Contenuto principale

Storia dell'arte - Cristina Mantovani (I.T. Copernico)

Provocazione, delirio e sperimentazione: l’arte del pieno Novecento.

 

FINALITA' E OBIETTIVI

 

Il corso vuole avvicinare il pubblico ad un’arte, quella delle avanguardie e delle sperimentazioni più ardite, che, talvolta, suscita un po’ di diffidenza in quanto distante dalle classiche espressioni artistiche alle quali siamo più abituati. Partendo dal Cubismo, movimento che più di ogni altro ha rappresentato la rottura col passato, si arriveranno ad analizzare le ultime tendenze artistiche tra fine Novecento e anni Duemila, in un viaggio in cui l’arte rappresenterà tutto e il contrario di tutto.

 

PROGRAMMA

 

Il vero inizio dell’arte contemporanea. Il Cubismo. Il concetto di avanguardia storica ● Le caratteristiche dell’arte cubista ● Pablo Picasso: dai periodi blu e rosa a Guernica ● Georges Braque e Juan Gris.

 

La rappresentazione del movimento. La nascita del Futurismo. Gli anni tra le due guerre mondiali ● Marinetti e l’estetica futurista ● I manifesti ● Boccioni e la pittura degli stati d’animo ● Antonio Sant’Elia e le architetture impossibili ● Giacomo Balla e la Ricostruzione futurista dell’universo ● dall’Arte meccanica all’Aeropittura ● Il Futurismo al di là delle Alpi: alcuni esempi.

 

Contro l’arte, oltre l’arte. Sogno e provocazione. Il movimento Dada: Hans Arp, Marcel Duchamp ● Man Ray e la fotografia astratta ● L’arte dell’inconscio: il Surrealismo● L’automatismo psichico puro ● Max Ernst e la pittura al di là della pittura ● Mirò, forme e colori ● Magritte e il gioco dei nonsensi ● Dalì e il mondo della paranoia.

 

L’arte oltre la forma. L’Astrattismo. Der Blaue Reiter (il cavaliere azzurro) ● Franz Marc e I cavalli azzurri ● Kandinskij: il colore come la musica ● Paul Klee e l’arte come immagine allegorica della creazione ● Mondrian e De Stijl ● Malevic e il Suprematismo.

 

L’affermazione dell’architettura moderna. Il Razionalismo. Il Deutscher Werkbund e l’International Style ● l’esperienza del Bauhaus ● Van der Rohe e la ricerca dell’essenzialità ● Le Corbusier e la casa come macchina per abitare ● Frank Lloyd Wright e l’architettura organica ● Architettura fascista tra il razionalismo di Terragni e il monumentalismo di Piacentini ● Michelucci e la via toscana al Razionalismo.

 

Tra Metafisica, richiamo all’ordine ed École de Paris. La rivista Valori PlasticiNovecento e Novecento italiano ● Giorgio de Chirico e il ritorno al classico ● Carlo Carrà e l’eco delle forme di Giotto ● Giorgio Morandi e la solennità della natura morta e del paesaggio ● L’arte e gli artisti tra le due guerre e nel ventennio fascista ● L’École de Paris. Marc Chagall e Amedeo Modigliani: i grandi “isolati” di Parigi ● Gli anni del fumetto.

 

Dalla ricostruzione al Sessantotto: alla ricerca di nuove vie. Henry Moore e Alexander Calder: dalla pietra al vento ● Arte informale: la risposta al delirio della guerra (Dubuffet, Bacon, Tàpies): cenni ● L’informale in Italia: Alberto Burri e Lucio Fontana ● L’Espressionismo astratto in America tra Action Painting e Colorfield Painting: Jackson Pollock, Mark Rothko ● Tra New Dada e Nouveau Realisme: Robert Rauschenberg, Jasper Johns, Jean Tinguely. Cenni. ● Il caso Piero Manzoni ● Pop-Art: arte e civiltà di massa. Gli esempi di Warhol, Lichtenstein, Hamilton, Oldenburg ● Arte cinetica, Op Art e Minimal Art: cenni ● Tendenze postminimaliste: cenni ● Arte concettuale: la smaterializzazione dell’oggetto artistico ● Arte povera: la rivincita della materia ● Esempi di architettura degli anni Sessanta e Settanta. Cenni.

 

Tendenze e sperimentazioni del Contemporaneo. Cenni. Land art: il territorio come tela. Smithson e Christo ● Body art ● Video art ● Iperrealismo: più vero del vero ● Il ritorno alla tradizione figurativa ● Graffiti Writing ● Fotografia e arte ●

 

(Il presente programma è suscettibile di lievi variazioni in itinere a discrezione dell'insegnante)

 

MATERIALI E STRUMENTI DIDATTICI

 

Lezioni frontali

Proiezione di slides

Escursioni giornaliere a musei o mostre di interesse storico-artistico.

Cristina Mantovani

_________________________________________________________