Contenuto principale

Storia dell'arte - Anna Tratzi, Silvia Superbi, Giovanni Plazzi (I.C. De Pisis)

CORSO DI STORIA DELL’ARTE (mercoledì)

a cura di: Anna Tratzi - Silvia Superbi- Giovanni Plazzi

Medioevo magico: luci e ombre.

Le storie, i personaggi, le immagini che hanno rappresentato un’epoca.

Il Medioevo si caratterizza come un’epoca di grandi contraddizioni politiche e sociali, ma anche di rinascita dei centri abitati, della cultura e dell'arte. Luci e ombre, “bene” e “male”, assumono forme e valori simbolici che influenzano e determinano le correnti artistiche di questo articolato periodo storico.

Personaggio rivoluzionario del Medioevo è Giotto. L'artista introduce nel mondo dell'arte un nuovo modo di dipingere, e ci parla con un linguaggio mai utilizzato prima. Le immagini assumono significati inaspettati, le figure rappresentate si animano, diventano capaci di trasmetterci sentimenti e per la prima volta esprimono emozioni umane. Analizzeremo insieme i centri culturali di Assisi e Padova e osserveremo l'influenza che questi hanno avuto sugli artisti successivi.

Siena, città di spicco per i suoi artigiani e artisti, afferma una nuova alternativa allo stile giottesco: domina una pittura legata più agli effetti di superficie, su accordi di linee e colori. Il percorso dell’arte senese parte, alla fine del Duecento, con la comparsa della grande personalità di Duccio da Boninsegna, che si muove utilizzando linguaggio pittorico in bilico tra arte bizantina e nuova arte gotica, per poi proseguire con Simone Martini, l’artista che agli inizi del Trecento si afferma come la più forte alternativa allo stile giottesco. Nell'ambiente senese ben presto emergono due personalità di grande valore artistico: i fratelli Pietro e Ambrogio Lorenzetti, autentici rinnovatori del linguaggio artistico iniziato da Giotto.

Altri artisti emergenti in questo periodo storico sono Gentile da Fabriano, che ci farà conoscere un altro aspetto della pittura, il gotico internazionale imperniato della cultura fiamminga e lombarda e Pisanello, che attraverso la sue opere ci porterà alla corte Estense.

Nel nostro percorso non possono mancare la scultura e l'architettura, gli edifici pubblici e privati, gli stili romanico e gotico. Conosceremo i centri di sviluppo e diffusione, evidenziando le somiglianze e le profonde differenze, ma soprattutto indagheremo gli elementi che ancora oggi ci affascinano di questi edifici. Alcuni approfondimenti saranno dedicati a singole opere d’arte, specifici temi iconografici, personaggi storici legati al mondo dell’arte e della cultura.

Come di consueto, gli incontri saranno accompagnati dalla proiezione di immagini e da brevi video. Sono previste almeno un paio di occasioni per visitare insieme alcune mostre e luoghi d’interesse storicoche avranno lo scopo di invitare e indirizzare i partecipanti a “guardare” e “osservare” dal vero, alla luce della conoscenza, le opere descritte durante le lezioni. Tempi, luoghi e dettagli verranno concordati durante il corso.